Due, se capisci cosa intendo

due sono gli occhi
due sono le orecchie
due sono le labbra
che poi, a ben pensarci
sono due per tre
che fa sei
ma mi fermo che
i bimbi potrebbero
farsi delle strane domande
due sono le braccia
due sono le mani
due sono le tette
le tue, nello specifico
che mi piacciono un sacco
due sono le chiappe
sempre le tue, nello specifico
che anch’esse
mi piacciono un sacco
due sono i fianchi
due son anche le anche
due sono le gambe
due sono i ginocchi
due sono i piedi
i tuoi, nello specifico
ché dei miei schifi le unghie

due sono i coglioni
i miei
non metaforici
che ogni tanto mi fai roteare
due sono le palle
le tue
questa volta metaforiche
che spesso ti faccio vorticare

due sono i polmoni
due sono gli atri
e due sono i ventricoli
di un cuore
che è uno
il mio
che se vuoi
è tutto tuo
ma che anche se non vuoi
ormai
è tutto tuo

due
siamo io e te
che se vuoi
però
possiamo anch’essere
uno
e quindi il senso
di questa cosa qui
se ne va un po’ a puttane

facciamo
se capisci cosa intendo
come dice il Guidone
e qui concludo, lo giuro
che le cose
quelle che qui ho omesso
ma che tu sai per ben bene
non mi dispiacciono
per nulla
affatto
e che sì
due
proprio due
sono quelle paroline lì
un po’ così

ah,
dimenticavo che
due
sono finanche
le Coree
e che
questa cosa qui
non voleva essere
per nulla
affatto
una noiosa
lezione di anatomia
dell’amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *